Cassius
Community

Esercizio | pag. 61 n. 5 →

Mirum Iter 2

Pagina numero: 61

Esercizio numero: 5

1. Se mi ami, sta’ un poco qui insieme a me!
2. La gloria nuoce a molti.
3. Non ti mancherà una mia lettera: ti scriverò ogni cosa in merito a Bruto.
4. Egli, credo, sarà presente in questa casa entro breve tempo.
5. Senza il lavoro degli uomini, non può esistere la cura della salute, né l’arte del navigare, né l’agricoltura.
6. Dopo che né i terrapieni, né i fossati riuscivano a frenare la potenza dei nemici, Cesare accelera e interviene nella battaglia.
7. I Galli non riuscivano a resistere all’assalto dei Germani.
8. Sei tanto distante dalla perfezione delle opere più grandi, da non aver ancora gettato le fondamenta che credi.
9. La potenza di nessun impero è tanto grande da poter essere durevole: il tiranno Falaride conferma ciò.
10. Tra i Persiani, i Magi predicono il futuro, e nessuno che non abbia prima appreso la scienza e l’arte dei Magi può essere re dei Persiani.
11. Epicuro nega che un uomo che non viva in maniera onesta possa vivere in maniera lieta.
12. Dunque quale famiglia è tanto stabile, quale popolazione tanto salda, da non poter essere rovesciata dalle rivalità e dai contrasti?
13. Un tiranno può essere tanto clemente quanto un re può essere molesto.
14. Dall’oro o dall’argento non si può ottenere un’immagine somigliante alla divinità.
15. Nella stessa maniera in cui una fiamma non può essere schiacciata, nella stessa maniera in cui il bronzo non si scalfisce con una bastonata o con un colpo, allo stesso modo lo spirito non può essere catturato e fiaccato all’interno del corpo.

Pag. 61 n. 5

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Mirum Iter 2