Cassius
Community

Esercizio | pag. 49 n. 32 →

Grammatica Picta 2

Pagina numero: 49

Esercizio numero: 32

1. I Romani credevano che dai Tarantini fosse stata sollevata con l’inganno una qualche rivolta.
2. Se qualcuno riceve un beneficio più volentieri di quanto lo restituisca, sbaglia.
3. Cassio Severo non citò in giudizio Asprenate per una causa giusta o necessaria, ma per un certo piacere di accusare.
4. Occorre ottenere, se tu vuoi fare oppure riuscire in qualcosa, che le persone non soltanto ti ascoltino, ma anche che ti ascoltino di buon grado e attentamente.
5. Qualcuno forse potrebbe dire che per te, o Catone, la vecchiaia sia più tollerabile per via delle tue risorse e del tuo prestigio.
6. Ma ecco un uomo sia di validissimo intelletto, sia di ardente zelo, sia erudito sin da bambino, C. Gracco: non credere, o Bruto, che sia esistito qualcuno più completo e copioso nel parlare!
7. Infatti chi contempla un vero amico contempla, per così dire, un immagine di sé stesso.
8. In quell’uomo degli enormi difetti eguagliavano queste numerose virtù: disumana crudeltà, grandissima slealtà, nulla di autentico, nulla di sacro, nessun timore degli dèi, nessun rispetto per il giuramento, nessuno scrupolo.
9. I Bellovaci dicevano che avrebbero combattuto la guerra con i Romani, e che non avrebbero ubbidito all’autorità di nessuno.
10. Nessuno dei due eserciti uscì contento da quello scontro: i Rotuli furono sconfitti; i Troiani e gli Aborigeni, vincitori, persero il comandante Latino.
11. Fuggite tutti, andate via e allontanatevi dalla strada, affinché nella corsa io non urti qualcuno con la testa, con il gomito, con il petto o con il ginocchio!
12. Questi scagliarono una gran quantità di dardi sia sugli elefanti, sia sui loro conducenti; ma alcuni, inseguendo gli animali con eccessiva foga, se li aizzarono contro per mezzo delle ferite (che arrecavano loro).
13. A quel punto si alzò un qualche uomo, allo scopo di esprimere un parere, del tutto disonorato a causa della disonestà della vita passata.
14. La sorte avversa non sfibra nessuno, se non colui che la sorte favorevole ha ingannato.

Pag. 49 n. 32

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 2