Cassius
Community

Versione | pag. 92 n. 2 → Giasone conquista il vello d’oro

Verba Manent 2

Pagina numero: 92

Versione numero: 2

Giasone conquista il vello d’oro

Il vello d’oro dell’ariete, che Frisso aveva consacrato a Marte, pendeva da un’imponente quercia in una fitta foresta, in Colchide: dei tori che soffiavano fuoco dalle narici ed un drago gigantesco e spaventoso sorvegliavano il prezioso vello. Intanto in Tessaglia, nella città di Iolco, regnava Pelia, che aveva ucciso con l’inganno il fratello Esone ed aveva usurpato il suo regno. Ma Esone, quando era sul punto di morire, poiché temeva l’insidia di Pelia, affidò al centauro Chirone il piccolo figlio Giasone, che aveva già nascosto sul monte Pelio. Dopo vent’anni Giasone, giovane che eccelleva tra tutti i coetanei quanto a forze fisiche e a nobiltà d’animo, era ritornato a Iolco allo scopo di reclamare il regno dallo zio. Ma Pelia disse: “Ti restituirò il regno, se mi avrai riportato il vello d’oro che è custodito in Colchide. Poiché quell’impresa era oltremodo difficile, Giasone scelse come compagni della spedizione i più forti eroi del suo tempo e, su consiglio della dea Atena, fabbricò un’imbarcazione bella e veloce, che chiamò Argo. Dopo che fu giunto in Colchide, egli, con l’aiuto della maga Medea, figlia del re, domò i tori che soffiavano fuoco e, dopo aver ucciso lo spaventoso drago, rubò il vello d’oro e lo portò a Pelia.

Pag. 92 n. 2

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Verba Manent 2