Cassius
Community

Esercizio | pag. 111 n. 2 →

Grammatica Picta 2

Pagina numero: 111

Esercizio numero: 2

1. Accadde che i nemici non sostenessero nemmeno un assalto dei nostri, e che subito voltassero le spalle (ossia: “e che subito fuggissero”).
2. Gabinio, una volta perduti molti soldati in battaglia, si rifugiò a Salona con le rimanenti truppe e lì, oppresso da grandissima difficoltà, in pochi mesi morì a causa di una certa malattia.
3. Tu sei arrivato adirato con tutti: io l’ho percepito non appena ti ho guardato, prima che tu iniziassi a parlare.
4. Che cosa puoi tu rispondere in maniera onesta a costoro, se non che implorino te e la tua protezione?
5. Gli anziani saggi sono dilettati dai giovinetti dotati di buon carattere, e la vecchiaia di quelli che sono venerati e amati dalla gioventù diventa più sopportabile.
6. La collera dei Latini, dal momento che non avevano potuto nuocere ai Romani con la guerra, eruppe a tal punto che essi distrussero con il fuoco la città di Satrico; e di quella città non restò alcuna casa.
7. A che cosa è utile possedere un podere, se le leggi dei confini, delle proprietà, delle acque e dei passaggi, che sono state redatte in maniera accuratissima dagli antenati, possono essere sovvertite e modificate?
8. Tuttavia la fanciulla non poté venire distolta con alcun discorso dai pianti intrapresi, ma, gemendo ancor più profondamente, suscitò anche a me le lacrime.
9. Credete forse che possa accadere ciò che vedete spesso succedere nelle rappresentazioni sceniche, e cioè che un dio si accosti ad una moltitudine di uomini, che si aggiri sulla terra, che parli con gli uomini?
10. Occorre, o compagni, che noi cambiamo percorso: si deve tentare la strada alternativa al ponte e si deve andare sul tragitto che io dirò.

Pag. 111 n. 2

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 2