Cassius
Community

Esercizio | pag. 67 n. 23 →

Il Tantucci 2

Pagina numero: 67

Esercizio numero: 23

1. Quello mangia più di quanto contiene, e con grande ingordigia appesantisce il ventre ricolmo e ormai disabituato al compito di un ventre, al punto da vomitare tutto con maggior fatica di quando lo ingerì.
2. Per cui io tanto più mi sorprendo, perché dal suo allievo Posidonio venne scritto che Panezio visse trent’anni dopo che ebbe pubblicato quei libri.
3. Le erbe che i capi di bestiame non mangiano le mangiano gli esseri umani.
4. Capita che, nelle sofferenze dello spirito, alcuni ricerchino i luoghi deserti, come dice Omero a proposito di Bellerofonte: che, infelice, vagava sofferente nelle pianure Alee, divorando egli stesso il proprio cuore, evitando le orme degli esseri umani.
5. Nel frattempo la dolce fiamma divora le midolla, e silenziosa una ferita vive sotto il petto.
6. In seguito il parricida quale crimine, quale delitto non compì?

Pag. 67 n. 23

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Tantucci 2