Cassius
Community

Versione | pag. 50 n. 1 → Un soldato coraggioso

Verba Manent 2

Pagina numero: 50

Versione numero: 1

Un soldato coraggioso

Nella guerra civile, nell’esercito di Cesare c’era Crastino, un uomo di eccezionale valore. Costui, dopo che il portainsegne ebbe dato il segnale, parlò così ai soldati del proprio manipolo: “Seguitemi, o soldati del mio manipolo, ed adoperatevi per il vostro generale. Rimane questa sola battaglia; quando l’avremo portata a temine, da un lato egli (ossia: “Cesare”) riacquisterà la sua autorità, dall’altro noi riacquisteremo la nostra libertà”. Nello stesso tempo, mentre si volgeva a guardare Cesare, aggiunse queste poche parole: “O comandante, oggi io offro quest’anima a te ed allo Stato; o vivo o morto, mi ringrazierai (lett.: “tu renderai grazie a me vivo o a me morto”)”. Dopo che ebbe detto queste cose, attaccò per primo dal fianco destro (dell’esercito), e i soldati avanzarono insieme a lui.

Versione tratta da: Cesare
Pag. 50 n. 1

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Verba Manent 2