Cassius
Community

Versione | pag. 24 n. 177 → Augusto amava giocare a dadi

Mirum Iter 2

Pagina numero: 24

Versione numero: 177

Augusto amava giocare a dadi

Augusto non temette in alcun modo le dicerie riguardanti i dadi (lett.: “del dado”), infatti egli fece sempre qualunque cosa desiderasse fare: giocò con schiettezza e apertamente, a scopo di divertimento, anche da vecchio. E ciò non è una cosa dubbia, e chiunque conosce codesta verità. In una certa lettera autografa (→ Augusto) dice: “Ho cenato, o mio Tiberio, con i medesimi amici, ma (in più) sono venuti altri due commensali, dei nuovi amici, che qui nomino: Vinicio e il padre Silio. Durante la cena abbiamo passato il tempo col gioco che preferiamo tra tutti: abbiamo giocato a dadi, sia ieri, sia oggi”. E in un’altra lettera, (→ Augusto) scrive nuovamente: “O Tiberio mio, noi abbiamo trascorso le feste di Minerva in maniera abbastanza piacevole; infatti abbiamo giocato tutti i giorni, e abbiamo riscaldato il tavolo da gioco. Tuo fratello ha mandato avanti la cosa con alte grida; alla fine, tuttavia, non ha perso molto, anzi, da grandi perdite, poco alla volta ha rimontato più di quanto potesse sperare (lett.: “ha rimontato oltre l’aspettativa”)”.

Versione tratta da: Svetonio
Pag. 24 n. 177

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Mirum Iter 2