Cassius
Community

Repetita 1 - pag. 126 n. 9 → Uomini di campagna e uomini di città

Repetita 1

Pagina numero: 126

Versione numero: 9

Uomini di campagna e uomini di città

I nostri antenati, grandi uomini, non preferivano senza ragione i Romani di campagna a quelli di città. Come, infatti, in campagna ritenevano più pigri quelli che vivevano nella fattoria rispetto a quelli che vivevano nel campo e coltivavano le campagne, così ritenevano più inoperosi quelli che risiedevano in città rispetto a quelli che coltivavano le campagne. Perciò divisero l’anno in tal modo: solo ogni nove giorni si occupavano delle attività civili e nei rimanenti sette coltivavano le campagne. E finché conservarono questo uso, sia avevano campi fecondissimi, sia loro stessi godevano di salute più robusta, e non desideravano le palestre cittadine dei Greci. Ora dunque, dopo che quasi tutti i padri di famiglia si sono infilati dentro la città (lett.: “dentro le mura”) e hanno abbandonato la falce e l’aratro, e hanno preferito sbattere le mani a teatro e al circo piuttosto che nei campi seminati e nei vigneti, importiamo il grano in città dall’Africa e dalla Sardegna, e stipiamo l’uva sulle navi dall’isola di Cos e di Chia.

Versione tratta da: Varrone

Pag. 126 n. 9

→ Viri magni nostri maiores non sine causa praeponebant rusticos …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Repetita 1