Cassius
Community

Verba Manent 1 - pag. 291 n. 1 → Enea fugge da Troia in fiamme

Verba Manent 1

Pagina numero: 291

Versione numero: 1

Enea fugge da Troia in fiamme

Virgilio, l’illustre poeta Romano, nell’Eneide volle narrare la sventurata sorte della città di Troia, e la fuga di Enea. Infatti, come egli scrive, i Greci, dopo che ebbero conquistato Troia grazie al tranello del cavallo di legno, assalirono le strade della città e la reggia di Priamo, distrussero con le fiamme sia gli edifici pubblici e privati, sia i templi degli dèi, non risparmiarono neppure le donne, i vecchi e i fanciulli, sottrassero la ricchezza degli abitanti e fecero un grande bottino. A quel punto, dopo che Troia fu stata incendiata dai Greci, Enea, il figlio di Anchise e della dea Venere, fu costretto ad abbandonare la patria, sebbene non volesse (lett.: “sebbene non voleva, anche se non voleva”). Insieme al padre e al piccolo figlio Ascanio, (Enea → soggetto sottinteso) salpò da Troia e, su ordine di Mercurio, il messaggero di Giove, si mise in cerca di una nuova patria attraverso il mare.

Pag. 291 n. 1

→ Vergilius clarus poeta Romanus miseram oppidi Troiae fortunam fugamque …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Verba Manent 1