Cassius
Community

Versione | pag. 261 n. 39 → Una lettera da Atene

Il Tantucci Plus 2

Pagina numero: 261

Versione numero: 39

Una lettera da Atene

Cicerone saluta Attico. Da quando sono arrivato ad Atene, il giorno 25 giugno, aspetto qui Pomptino già da quattro giorni, e non ho alcuna notizia certa riguardo al suo arrivo. Sono però interamente con te, credimi, e, per quanto (io lo faccia) già di mio, tuttavia, stimolato dalle tue tracce, penso a te ancor più intensamente. Ma forse tu preferisci sapere qualcosa appunto riguardo a me. (Le cose) sono queste. Atene mi è assai piaciuta, per lo meno per via della città, del suo ornamento e dell’affetto delle persone nei tuoi confronti, (e) per via di una certa benevolenza verso di me; ma molte cose sono mutate. Vorrei che tu mi scrivessi quanto prima potrai le tue decisioni, affinché io sappia che cosa tu faccia, dove, e anche in che momento, e specialmente quando sarai a Roma.

Versione tratta da: Cicerone
Pag. 261 n. 39

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Tantucci Plus 2