Cassius
Community

Versione | pag. 333 n. senza numero → La maga Circe

Verba Manent 1

Pagina numero: 333

Versione numero: senza numero

La maga Circe

Ulisse giunse, insieme ai propri compagni, sull’isola di Ischia, presso Circe, la figlia del Sole, che, per mezzo di un filtro dolce e magico, trasformava gli uomini in animali. Presso di lei, Ulisse mandò Euriloco insieme a ventidue compagni, ma Circe trasformò i medesimi dalla sembianza umana in animali. Euriloco, che temeva la maga, non entrò nel palazzo di lei; da lì egli fuggì immediatamente, e portò ad Ulisse la notizia della trasformazione dei compagni. A quel punto, Ulisse si recò da solo presso di lei; ma, durante il tragitto, Mercurio gli diede un antidoto contro il filtro della dea. Quando Ulisse giunse presso Circe, prima di accettare da lei la coppa, bevve l’antidoto di Mercurio, e così poté bere senza alcun pericolo. Poi impugnò la spada, e, con molto minaccioso, disse alla dea: Se non mi restituirai i (miei) compagni, ti ucciderò. Poiché, per volere degli dèi, Circe non poteva trasformare Ulisse in un animale, ella stessa diede la propria parola e alla fine riportò alla forma originaria i compagni di lui.

Versione tratta da: Igino
Pag. 333 n. senza numero

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Verba Manent 1