Cassius
Community

Il Tantucci 2 - pag. 93 n. 27 →

Il Tantucci 2

Pagina numero: 93

Esercizio numero: 27

1. Ad se purgandos, ut doceant. Gli Ubii inviano da Cesare dei portavoce per scusarsi, affinché spieghino che dalla loro popolazione non sono stati mandati dei rinforzi nel territorio dei Treviri, e che da loro non è stata violata la parola data.
2. Ut adiungat. Annibale, partito ai primi e incerti segnali di Primavera, porta le truppe dai quartieri invernali in Etruria, allo scopo di annettere, di volontà o di forza, anche quella popolazione, come i Galli e i Liguri.
3. Qui rogent, copiarum sustinendarum causa. I Biturigi mandano degli ambasciatori presso gli Edui, per chiedere sostegno, affinché possano frenare più facilmente le truppe dei nemici.
4. Factum, pacis petendi gratia. I Cartaginesi inviano alcuni ambasciatori presso Scipione, per fare una tregua, e altri a Roma, per chiedere la pace.
5. Ad comprimendam audaciam. Lucullo ritenne che fosse necessario stabilire una pena particolarmente dura, per frenare la sfacciataggine per mezzo della paura.
6. Quam possint. Parlo e parlerò sempre ad altissima voce, affinché tutti la possano sentire.
7. Meliorum fetuum ac grandiorum edendorum causa. Un campo non si ara una volta sola, affinché possa produrre frutti migliori e più cospicui.

Pag. 93 n. 27

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Il Tantucci 2