Cassius
Community

Versione | pag. 469 n. 86 → Perché bisogna conquistare Carthago Nova

Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla

Pagina numero: 469

Versione numero: 86

Perché bisogna conquistare Carthago Nova

A quel punto Scipione, dopo che ebbe portato a compimento le fortificazioni dell’accampamento, ed ebbe schierato le navi nel porto, allo scopo di assediare Cartagho Nova sia dalla terraferma sia dal mare, convocò un’assemblea dei soldati, e, allo scopo di mostrare anche ai soldati la ragione per la quale egli desiderava impadronirsi di quella città, parlò in questa maniera: O soldati, voi siete qui allo scopo di cacciare i Cartaginesi dall’intera Spagna, e non di certo per conquistare un’unica città. Perciò, di fatto attaccherete le mura di un’unica città, ma, in un’unica città, avrete conquistato la Spagna intera. Qui sono gli ostaggi dei nobili re della Spagna, i quali, quando saranno nelle vostre mani, consegneranno immediatamente sotto la vostra sovranità tutte quelle cose che attualmente si trovano sotto il controllo dei Cartaginesi. Qui si trova tutto il denaro dei nemici, senza il quale quelli non possono combattere la guerra, poiché hanno eserciti mercenari; per giunta, questo denaro sarà per noi di grande utilità, per accattivarci le simpatie dei barbari. Qui si trovano le macchine da guerra e le armi dei nemici, le quali contemporaneamente riforniranno voi di tutte le cose necessarie ai fini della guerra, e lasceranno i nemici privi. Per giunta ci impadroniremo di una città non soltanto bella e ricca, ma per di più provvista di un porto tanto vantaggioso, che per di là possiamo far arrivare tutte le cose necessarie per la guerra. Qui c’è il loro granaio, il loro Tesoro di stato e il loro arsenale; la strada dall’Africa a qui è diritta; da qui l’Africa incombe su tutta la Spagna.

Versione tratta da: Livio
Pag. 469 n. 86

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla