Cassius
Community

ALIAS - pag. 295 n. 163 → Sciopero dei flautisti

ALIAS

Pagina numero: 295

Versione numero: 163

Sciopero dei flautisti

I flautisti, dal momento che i censori vietarono loro di mangiare il cibo nel tempio di Giove, cosa che era stata tramandata dall’antichità, dal momento che sopportavano malvolentieri ciò, se andarono tutti insieme (uno agmnine = “in blocco”) a Tivoli. E così, a Roma, non c’era nessuno che accompagnasse con la musica i sacrifici. Il carattere sacro di quel problema preoccupò i senatori, i quali inviarono dei portavoce a Tivoli, affinché facessero in modo che quegli uomini fossero restituiti ai Romani. Gli abitanti di Tivoli supplicavano i flautisti di ritornare a Roma; poiché quelli non volevano, in un giorno di festa li invitarono per un banchetto, e, riempitili di vino, di cui quella categoria (la categoria dei flautisti) era decisamente ingorda, li fecero addormentare, e così, dopo che erano stati sopraffatti dal sonno, li gettarono su dei carri, e li trasportarono a Roma. Tutti accorrevano da tutte le parti per vedere i flautisti e chiedevano insistentemente che essi rimanessero a Roma. E così, affinché accompagnassero con la musica le cerimonie religiose, venne restituito loro il diritto di mangiare nel tempio.

Versione tratta da: Livio

Pag. 295 n. 163

→ Tibicines, quia censores vetuerunt …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
ALIAS