Cassius
Community

Versione | pag. 405 n. 119 → Un insolito salvataggio in mare

Mirum Iter 1

Pagina numero: 405

Versione numero: 119

Un insolito salvataggio in mare

Ma in merito ad Arione raccontano un’impresa inaudita e miracolosa e straordinaria: che un delfino all’improvviso giunse nuotando tra le onde e si mise sotto all’uomo che fluttuava, e lo riportò sulla superficie del mare e lo trasportò con il corpo e l’abbigliamento intatto nella regione della Laconia, a Tenaro. E (raccontano) che a quel punto Arione, da quel luogo, si diresse direttamente a Corinto e, tale e quale era stato trasportato dal delfino, si recò al cospetto di Periandro, e gli raccontò ogni cosa. I marinai vennero interrogati e dissero falsamente che Arione si trovava ancora nel territorio dell’Italia e che lì se la passava bene, che prosperava grazie alle simpatie e all’intrattenimento delle città, e che era ricco e fortunato, in grande prestigio e ricchezza. A quel punto, nel mezzo di queste loro dichiarazioni, si presentò Arione con la cetra e con gli abiti con i quali si era gettato nel mare. I marinai furono dimostrati colpevoli e portati in carcere. Gli abitanti di Lesbo e di Corino narrano quel racconto, e come prove del racconto ci sono, presso Tenaro, le statue di bronzo dell’uomo e del delfino.

Versione tratta da: Aulo Gellio
Pag. 405 n. 119

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Mirum Iter 1