Cassius
Community

Plane Discere 2 - pag. 287 n. 7 → Mario parla al senato

Plane Discere 2

Pagina numero: 287

Versione numero: 7

Mario parla al senato

O Romani, io so che i più non si vergognano di chiedere a voi il potere supremo con altri sistemi, né di esercitarlo dopo che l’hanno ottenuto: all’inizio sembrano essere diligenti, supplichevoli, temperanti, poi trascorrono la vita nell’indolenza e nella superbia. Ma io la vedo all’opposto (lett.: “Ma a me sembra in maniera antitetica a simili cose” quindi: “Ma io la penso in tutt’altro modo”): infatti, quanto più lo Stato nel suo complesso vale più di un consolato o di una pretura, tanto più esso deve essere amministrato con maggiore cura. È una cosa piuttosto difficile, o Romani, organizzare una guerra e al contempo preservare le casse dello Stato, costringere al servizio militare coloro che non vuoi danneggiare, occuparsi di tutte le cose in patria e al di fuori. Ai fini di questo, sono d’aiuto tutte queste cose: un’antica nobiltà (ossia: “il fatto di far parte della vecchia aristocrazia”), le azioni gloriose degli antenati, le risorse di consanguinei e sodali, vaste schiere di clientes. Nel mio caso, tutte le speranze sono riposte in me stesso, ed è necessario che esse siano garantite dal valore e dall’onestà; infatti tutte le altre cose sono deboli. Compito dell’uomo grande e saggio è avere la massima considerazione della propria convinzione, e io capisco, o Romani, che i volti di tutti sono rivolti verso di me. È mio interesse che mi appoggino gli uomini imparziali e onesti.

Versione tratta da: Sallustio

Pag. 287 n. 7

→ Scio ego, Quirites, plerosque non pudere aliis artibus imperium …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Plane Discere 2