Cassius
Community

Sciebant enim urbis opes atque vires, post secundum bellum Poenicum, magnopere crevisse. Cum Carthaginienses Romanorum invidiam …

La Lingua delle Radici 1

Pagina numero: 220

Versione numero: 8

La terza guerra punica

Sapevano infatti che dopo la Seconda guerra Punica i mezzi e le truppe della città erano molto cresciute. Poiché i Cartaginesi avevano provocato l’ostilità e la paura dei Romani, il senato ordinò che fosse dichiarata loro guerra senza indugio. E così, dopo che la flotta Romana fu giunta in Africa, i consoli assediarono Cartagine; i Cartaginesi però difendevano accanitamente la città e respingevano tutti i tentativi dei Romani. Il senato, dunque, capendo che l’esercito spendeva inutilmente tempo ed energie, inviò in Africa Cornelio Scipione Emiliano. Gli storici narrano che il nuovo generale combatté contro i nemici con grande valore e abilità militare, e che straziò Cartagine con uno stretto assedio. Tuttavia i Cartaginesi resisterono per molti mesi, ma alla fine i Romani fecero irruzione nella città e la misero a ferro e a fuoco. Narrano che gli edifici e i templi di Cartagine bruciarono per molti giorni.

Pag. 220 n. 8

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di La Lingua delle Radici 1