Cassius
Community

Romani senes sapientes et librorum amantes putabant. Fugientibus equites occurrebant …

Monitor - Lezioni 1

Pagina numero: 349

Esercizio numero: 8

1. I Romani consideravano i vecchi saggi e amanti dei libri.
2. I cavalieri correvano incontro a coloro che scappavano.
3. Durante la battaglia, il valore di coloro che combattevano era stato grande.
4. Gli allievi andarono incontro al maestro mentre passeggiava nel parco.
5. Vidi il tuo amico mentre sedeva nella sala e discuteva con il senatore Velleio.
6. La Sorte, non ha, come noi riteniamo, le mani lunghe: non prende nessuno se non chi le si appiccica.
7. I naviganti, nel mare burrascoso, invocavano Nettuno con molte preghiere.
8. Quando i nemici avvistarono l’accampamento che bruciava, si dettero alla fuga.
9. Ascoltai Pompeo Saturnino mentre sosteneva delle cause, veementemente e appassionatamente.
10. Un certo soldato Romano, con la spada, uccise Archimede, un uomo erudito e saggio, mentre tracciava dei cerchi sulla sabbia.
11. Nei periodi antichi della città di Roma, i littori camminavano davanti al re, portando dei fasci di bastoni con una scure.
12. Gli abitanti delle città vicine, procureranno sempre le cose necessarie alle nostre truppe che combattono valorosamente.
13. I Cimbri e i Teutoni, mentre dalla Germania e dalla Gallia giungevano in Italia, inflissero al popolo Romano terribili disfatte.
14. Tu dei evitare queste chiacchiere che allontanano dalla patria, dai genitori e dagli amici.
15. Nerone uccise come se stesse macchinando una rivoluzione Antonia, la figlia di Claudio, perché rifiutava nozze con lui (lett.: “le sue nozze”) dopo la morte di Poppea.

Pag. 349 n. 8

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Monitor - Lezioni 1