Cassius
Community

Versione | pag. 148 n. 70 → Sciopero della plebe a Roma

ALIAS

Pagina numero: 148

Versione numero: 70

Sciopero della plebe a Roma

A Roma, i patrizi possedevano cospicue ricchezze, ed amministravano la città in maniera altèra. I plebei, al contrario, sopportavano pesanti fatiche, pagavano tasse pesanti, ed erano poveri: e così la vita dei plebei era ardua e difficoltosa. Perciò i plebei abbandonano la città, si ritirano sul Monte Sacro, e lì allestiscono un piccolo accampamento. Infatti pensano così: Non semineremo i campi degli uomini ricchi. I campi non daranno i raccolti, i patrizi non avranno il pane. Noi, al contrario, semineremo qui il grano, ed avremo il pane; i patrizi ascolteranno senz’altro le preghiere della plebe indigente. A questo punto i patrizi inviano degli ambasciatori presso la plebe, che riferiscono le parole dei senatori: Tornate in città, i patrizi saranno giusti, cancelleranno i vostri debiti, ripartiranno i profitti in parti eque. Allora i plebei mettono da parte il piano temerario, e ritornano nella città; i patrizi rispettano le cose promesse, ed i cittadini Romani recuperano la concordia.

Pag. 148 n. 70

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di ALIAS

Il nostro sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Questa operazione non può avvenire se non col tuo consenso, perciò è necessario che tu impieghi qualche attimo del tuo tempo per prendere visione della nostra Cookie Policy e dirci se ne accetti le condizioni. → Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi