Cassius
Community

Versione | pag. 470 n. senza numero → Furio Camillo e il primo sacco di Roma

Verba Manent 1

Pagina numero: 470

Versione numero: senza numero

Furio Camillo e il primo sacco di Roma

Dopo venti anni i Veientani ripresero la guerra. Contro costoro, venne inviato, in qualità di dittatore, Furio Camillo che, all’inizio, li sconfisse sul campo di battaglia, e presto, dopo un lungo assedio, (ne) conquistò anche la città, estremamente antica e ricca. Dopo di essa (Camillo → soggetto sottinteso) conquistò anche Falisci, una città non meno prestigiosa. Ma nei suoi confronti venne suscitata ostilità e, per quella ragione, Camillo venne condannato e cacciato via dalla città. Immediatamente giunsero a Roma i Galli Senoni, e, dopo aver sconfitto i Romani presso il fiume Allia, occuparono anche la città. Solo il Campidoglio poté essere difeso; dopo un lungo assedio, i Galli ricevettero dell’oro dai Romani, affinché non assediassero il Campidoglio, e si ritirarono. Ma Camillo, il quale viveva da esule in una città vicina, piombò addosso ai Galli e li sconfisse pesantemente. Poi Camillo li inseguì e pretese indietro l’oro che era stato consegnato loro e tutte le insegne militari, che essi avevano conquistato. Così Camillo entrò per la terza volta in trionfo a Roma e fu chiamato “secondo Romolo” come un fondatore, anche lui, della patria.

Versione tratta da: Eutropio
Pag. 470 n. senza numero

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Verba Manent 1