Cassius
Community

Versione | pag. 432 n. 253 → Vicende di alcuni re di Roma

ALIAS

Pagina numero: 432

Versione numero: 253

Vicende di alcuni re di Roma

Dopo Tullo Ostilio, prese il potere Anco Marzio, nipote di Numa dalla parte della figlia: costui combatté contro i Latini, annetté a Roma il colle Aventino, e, nelle vicinanze della foce del Tevere, fondò Ostia. Realizzò un carcere, per spaventare gli uomini disonesti (lett.: “ai fini dello spavento degli uomini disonesti”). Inoltre, in lui c’era una straordinaria socievolezza, e anche una straordinaria propensione, nei confronti di tutti i cittadini, a concedere sostegno, aiuto e protezione. Quindi, una volta morto Marzio, L. Tarquinio venne eletto re con tutti i voti del popolo. Costui raddoppiò il numero dei senatori, realizzò un circo a Roma, fondò i Ludi Romani. Fu più bellicoso di Anco: sconfisse anche i Sabini, ed unì al territorio di Roma estesi terreni. Dopo trentasette anni di regno, i figli di Anco lo uccisero per mano di sicari. A Tarquinio Prisco fece seguito Servio Tullio, nato da una donna di famiglia nobile, e tuttavia prigioniera ed ancella.

Pag. 432 n. 253

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di ALIAS