Cassius
Community

Versione | pag. 230 n. 1 → Ulisse e il Ciclope Polifemo

Verba Manent 1

Pagina numero: 230

Versione numero: 1

Ulisse e il Ciclope Polifemo

Ulisse, dopo molti e difficoltosi viaggi per terra e per mare, giunge in Sicilia insieme ai compagni, e approda sull’isola dei feroci Ciclopi. I Ciclopi, stirpe rozza e incivile, avevano un unico occhio al centro della fronte e vivevano nelle caverne dei boschi vicino al mare. Forniti di enorme forza del corpo, conducevano la dura ma salutare vita dei pastori; placavano la fame con i pesci oppure con la carne o il formaggio delle pecore, placavano la sete con l’acqua e con il latte. Ulisse entra insieme a pochi compagni nella caverna di Polifemo, il figlio di Nettuno, ma il Ciclope, dimentico dell’ospitalità, imprigiona nella grotta gli uomini sventurati: alcuni venivano anche divorati dalla crudele creatura prodigiosa, poiché Polifemo disprezzava tutte le leggi degli dèi e degli uomini. A quel punto, Ulisse inganna il Ciclope per mezzo di un singolare raggiro: offre a Polifemo del vino e, durante il sonno, bruciava per mezzo di un tronco ardente l’unico occhio della scellerata creatura portentosa. Poi, lo scaltro Ulisse lega i propri compagni a delle pecore, e sé stesso ad un ariete: in tal modo uscivano dalla caverna tutti illesi e si dirigevano rapidamente alle navi.

Pag. 230 n. 1

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Verba Manent 1