Cassius
Community

Esercizio | pag. 369 n. 6 →

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 369

Esercizio numero: 6

1. Le percosse (mi) sovrabbondano, e mi mancano i viveri.
2. Niente, dunque, può essere detto contro la vita di L. Murena, o giudici, assolutamente niente.
3. Di certo, o giudici, mi tolgono il respiro e mi uccidono questi discorsi di Milone, che ascolto continuamente e ai quali partecipo ogni giorno.
4. Dopo che Alcibiade aveva stabilito di stare a capo dell’esercito, i nemici non avevano potuto essere di pari valore né sulla terraferma, né sul mare.
5. Il porto è chiuso dai promontori in maniera tale che a stento possono uscire due navi contemporaneamente.
6. Il contadino semina gli alberi affinché essi giovino alla generazione successiva.
7. Credi che da codesto vecchio si possa ottenere con preghiere del denaro?
8. I cittadini non avevano soltanto un’enorme speranza in Alcibiade, ma anche (un enorme) timore, poiché egli poteva sia nuocere moltissimo, sia giovare moltissimo.
9. Non dobbiamo ricercare l’amicizia spinti dalla speranza di un tornaconto, ma poiché il vantaggio di essa (ossia: “ma perché il guadagno che si ricava da essa”) sta tutto nell’affetto stesso.
10. Poiché mancava il denaro per la guerra, i questori vendettero una zona del territorio Campano.

Pag. 369 n. 6

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1