Cassius
Community

Versione | pag. 232 n. 1 → Febida e Pelopida guidano gli esuli tebani

Il Nuovo Latino a Colori 1

Pagina numero: 232

Versione numero: 1

Febida e Pelopida guidano gli esuli tebani

I
Mentre conduceva i soldati a Olinto, lo spartano Febida marciò attraverso Tebe e conquistò la rocca della città, che era chiamata Cadmea, con l’aiuto di pochi Tebani, partigiani di Sparta; decise tuttavia l’occupazione per sua iniziativa personale, e non condivisa, e gli Spartani destituirono Febida dal comando e lo multarono in denaro, non restituirono, però, la rocca ai Tebani.
II
Quindi Pelopida, capo della fazione popolare, fuggì alla volta di Atene insieme a numerosi Tebani, e vi aspettò il momento appropriato per la vendetta. L’estate seguente i pochi fuggiaschi, che Pelopida guidava, si recarono da Atene a Tebe con una marcia affrettata, con cani da caccia, reti e abiti campagnoli, infatti erano intenzionati a viaggiare senza (suscitare) sospetto.
III
Appena la notte avanzò, sterminarono tutti i capi spartani; Pelopida, dunque, incitò il popolo alle armi. Allora il popolo, che per molti mesi aveva sofferto la mancanza della libertà, accorse in massa da ogni luogo, scacciò dalla rocca la guarnigione degli Spartani, e liberò la patria dall’occupazione.

Versione tratta da: Cornelio Nepote
Pag. 232 n. 1

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Latino a Colori 1