Cassius
Community

Mirum Iter 1 - pag. 350 n. 100 → Ambizione di Pausania

Mirum Iter 1

Pagina numero: 350

Versione numero: 100

Ambizione di Pausania

Lo Spartano Pausania fu un grande uomo, ma contraddittorio in ogni aspetto della vita: infatti, come brillò nelle virtù, così fu oscurato dai vizi. Di costui è famosa la battaglia di Platea, dove, con un manipolo di Greci non cospicuo, venne messo in fuga Mardonio, satrapo regio, Medo quanto a stirpe, genero del re, il più importante di tutti i Persiani, forte di mano e pieno di senno; e in quell’occasione morì in battaglia il comandante in persona. Pausania, inorgoglito da quella vittoria, desiderò raggiungere un prestigio maggiore. Ma all’inizio fu criticato perché aveva collocato a Delfi un tripode d’oro, proveniente dal bottino di guerra, dove era stato scritto: sotto la guida di Pausania i Greci sterminarono i barbari a Platea, e Pausania diede il dono di quella vittoria ad Apollo. Gli Spartani, invece, raschiarono via quelle parole, e scrissero unicamente i nomi di quelle città, con l’aiuto delle quali erano stati vinti i Persiani. Dopo quella battaglia mandarono il medesimo Pausania a Cipro e nell’Ellesponto con una flotta comune.

Versione tratta da: Cornelio Nepote

Pag. 350 n. 100

→ Pausanias Lacedaemonius magnus homo sed varius in omni genere vitae fuit ..

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Mirum Iter 1