Cassius
Community

Olim rusticus quidam in urbem ivit, quia amicos ad cenam invitaverat et dapes satis lautas …

Monitor - Lezioni 1

Pagina numero: 375

Versione numero: 179

Una magra consolazione.

Un giorno un tale, campagnolo, si recò a Roma, poiché aveva invitato degli amici a cena e voleva mettere in tavola vivande sufficientemente abbondanti. A Roma, egli entrò in una bottega, dalle pareti della quale pendevano pecore, e maiali e buoi. Lì si avvicinò al bottegaio e comprò un prosciutto di bue. Quindi voleva sapere in che modo viene cotta quella carne. Egli scrisse diligentemente su un foglio le indicazioni che il bottegaio illustrò. Quindi nascose il foglio in una tasca del mantello, uscì dalla bottega e, reggendo la carne con la mano, cominciò ad avanzare sulla strada. Mentre egli ritornava, un cane, attratto dall’odore della carne, gli andò incontro, e all’improvviso (gli) strappò la carne dalla mano, quindi rapidamente scomparve dalla vista di lui. A quel punto lo sciocco, con una grande risata, tirò fuori il foglio dalla tasca e disse a quello: Di certo questo non ti gioverà per niente: infatti tu hai la carne, ma, dato che non conosci la maniera di cuocerla, non la potrai cuocere!

Pag. 375 n. 179

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Monitor - Lezioni 1