Cassius
Community

Olim equus arta semita procedebat, habenis aureis et ephippio magni pretii superbus, et se beatum putabat. Asino …

La Lingua delle Radici 1

Pagina numero: 103

Versione numero: 4

Superbia punita

Un giorno un cavallo avanzava per uno stretto sentiero, superbo per le briglie d’oro e per la sella di grande prezzo, e considerava sé felice. Si imbatté in un asino stanco e carico di bisacce e disse insolentemente: “Cedimi il passo”. L’asino abbassò le orecchie agitato e timoroso e cedette il passo al cavallo. Non molto tempo dopo il cavallo veniva attaccato da una malattia e diventava magrissimo. Allora il padrone lasciò il cavallo nella fattoria e gli mise addosso equipaggiamenti rustici. L’animale, sventurato, da mattina fino a sera trasportava nei campi il letame. Veniva trascurato dal padrone e veniva colpito a frustate dagli schiavi. L’asino per caso trovò il cavallo sventurato in un prato ed esclamò: “Tu ti consideravi felice e te ne andavi superbo per via dei preziosi ornamenti: ora vieni giustamente punito”.

Pag. 103 n. 4

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di La Lingua delle Radici 1