Cassius
Community

LL - Seconda Edizione - pag. 270 n. 12 → Un albero utile

LL - Seconda Edizione

Pagina numero: 270

Versione numero: 12

Un albero utile

Un giorno, le divinità scelsero le piante che volevano avere sotto la propria protezione. A Giove piacque la quercia, a Venere (piacque) il mirto, ad Apollo (piacque) l’alloro, a Cibele (piacque) il pino, ad Ercole (piacque) l’alto pioppo. Ma Minerva domandò agli dèi: Perché prendete alberi improduttivi? Giove spiegò alla dea la ragione: Affinché non sembriamo svendere l’onore per un frutto. Immediatamente Minerva disse: Però l’ulivo ci è più gradito per via del frutto! Allora il padre degli dèi (rispose) così: O figlia, a ragione vieni da tutti definita saggia! Se ciò che facciamo non è utile, la gloria è sciocca. La favoletta raccomanda di non fare nulla che non è utile.

Versione tratta da: Fedro

Pag. 270 n. 12

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
LL - Seconda Edizione