Cassius
Community

ALIAS - pag. 426 n. 246 → Il discorso di un nemico di Alessandro Magno

ALIAS

Pagina numero: 426

Versione numero: 246

Il discorso di un nemico di Alessandro Magno

Abbiamo preso la decisione di ucciderti poiché governi non come su degli uomini liberi, ma regni come su dei servi. Quanta parte dei Macedoni sopravvive alla tua spietatezza? Ti affascinano l’abito e l’usanza dei Persiani; hai in odio i costumi della patria. Perciò abbiamo deciso di uccidere un re dei Persiani, non dei Macedoni; noi, secondo il diritto di guerra, ti puniamo come traditore. Tu hai costretto i Macedoni mettersi in ginocchio dinanzi a te e ad adorarti come un dio. Ti meravigli se noi, uomini liberi, non riusciamo a tollerare la tua arroganza? Cosa ci aspettiamo da te, noi che o dobbiamo morire da innocenti, o, cosa che è più amara della morte e incredibile a dirsi, vivere in schiavitù?.

Versione tratta da: Curzio Rufo

Pag. 426 n. 246

→ Nos occidendi et consilium cepimus quia non ut ingenius imperas, sed quasi …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
ALIAS