Cassius
Community

Lingua e Cultura Latina 2 - pag. 225 n. 6 b →

Lingua e Cultura Latina 2

Pagina numero: 225

Esercizio numero: 6 b

1. La filosofia non rifiuta, né sceglie alcuno: essa brilla per tutti.
2. Nessuno può evitare la morte, né l’amore.
3. Non solo la giustizia non nuoce mai ad alcuno, ma anzi, con la sua forza, conferisce sempre ciò che rasserena gli animi.
4. P. Servilio, anche se stette a capo dell’esercito per cinque anni e poté, per questo, ricavare incalcolabile denaro, decise che nulla gli era concesso; C. Verre, invece, ritenne che ciò fosse concesso.
5. Affermo che grazie a quelle leggi delle quali questa città si avvale, nessun cittadino ha potuto subire alcuna sciagura di tal genere.
6. Io dico, infatti, che nessuno può vivere lietamente, se, contemporaneamente, non vive anche in maniera onesta, fatto che non può capitare agli animali incapaci di parlare.
7. Noto, o Catilina, che qui in senato ci sono certi che presero parte con te (lett.: “che furono con te”) nella congiura.
8. In una certa città, c’erano un re ed una regina.
9. Per caso passavo per la via Sacra, allorché mi corse incontro un tale, a me noto soltanto di nome.
10. Tutte le arti che riguardano la condizione umana hanno una sorta di legame comune.
11. C’è stata una certa epoca, nella quale (lett.: “quando”) gli uomini erravano di qua e di là nei campi, alla maniera degli animali selvatici.
12. Certi barbari, anche feroci, sono in grado di combattere in maniera molto accanita con la spada, ma non sono in grado di sopportare le malattie con rassegnazione.

Pag. 225 n. 6 b

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Lingua e Cultura Latina 2