Cassius
Community

Comminus - pag. 108 n. 10.11 → De Diversis Ludorum Generibus

Comminus

Pagina numero: 108

Versione numero: 10.11

De Diversis Ludorum Generibus

Sui differenti tipi di spettacoli. Non fummo concepiti dalla Natura per il gioco e per lo svago, ma per la severità piuttosto, e per certe occupazioni più serie e più nobili. È lecito, del resto, godere del gioco e dello svago, così come del sonno e degli ozi, se ci siamo dedicati abbastanza a questioni serie e importanti. In verità il genere stesso dello svago deve essere onesto e garbato. Come infatti non diamo ai bambini ogni libertà di divertirsi, così, persino nello svago, deve essere mantenuto un qualche barlume di animo decoroso. In generale, il modo di divertirsi è duplice; l’uno è indecoroso, sfacciato, vergognoso, osceno; l’altro raffinato, cortese, intelligente, garbato. La distinzione tra lo svago onesto e quello indecoroso è semplice. È il primo dei due, se non è fatto per un lungo lasso di tempo, con animo lieto, ed è adatto anche all’uomo serio; è il secondo dei due, se impiega oscenità di parole. Anche nel divertirsi deve essere serbata una certa misura, affinché, spinti dal godimento, non ci volgiamo verso qualche bassezza.

Versione tratta da: Cicerone

Pag. 108 n. 10.11

→ Non generati a natura sumus ad ludum et iocum, sed ad serveritatem potius et ad …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Comminus