Cassius
Community

ALIAS - pag. 415 n. 237 → La storia di Minosse e di Scilla, figlia di Niso

ALIAS

Pagina numero: 415

Versione numero: 237

La storia di Minosse e di Scilla, figlia di Niso

Niso, figlio di Marte, oppure, come altri riportano, figlio di Deione, re dei Megaresi, aveva sul capo un capello vermiglio. A costui, da Apollo fu dato il responso che, custodendo quel capello, egli avrebbe regnato molto a lungo. Dopo che ad attaccare costui fu giunto Minosse, il figlio di Giove, egli (→ Minosse) fu amato da Scilla, figlia di Niso, su incitamento di Venere; al fine di rendere costui vittorioso, Scilla tagliò al padre, mentre dormiva, il capello del destino. Perciò Niso fu vinto da Minosse. Mentre però Minosse faceva ritorno a Creta, Scilla arrivò a chiedere soccorso: gli chiese infatti che la portasse con sé, sulla base della parola data. Costui disse che l’integerrima Creta non avrebbe accolto una tale perfidia. Costei si buttò in mare. Niso invece, mentre dava la caccia alla figlia, fu tramutato in aquila marittima, e Scilla (fu tramutata) nel pesce che chiamano “ciri”. Quell’uccello, quando scorge il pesce che nuota, afferratolo con gli artigli, lo strazia.

Versione tratta da: Igino

Pag. 415 n. 237

→ Nisus, Martis filius, vel, ut alii tradunt, Deionis filius, rex Megarensium, in capite …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
ALIAS