Cassius
Community

Versione | pag. 434 n. 79 → Niobe tramutata in roccia

Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla

Pagina numero: 434

Versione numero: 79

Niobe tramutata in roccia

Niobe, la figlia di Tantalo, moglie di Anfione, il sovrano dei Tebani, poiché aveva messo al mondo sette figli ed altrettante figlie, si vantava in maniera insopportabile per via del grande numero dei figli, e derideva continuamente la dea Latona, madre di due figli soltanto: Apollo e Diana. Invano tutti la avvertivano di non offendere la grande dea, dicevano: O regina, non disprezzare la scarsa prole di Latona, e non provocare la collera di lei! Bada che Latona un giorno non si vendichi delle tue offese. La vendetta degli dèi, anche quando è tardiva, è implacabile! Ma la donna avanzava arrogante per la città, e, con intollerabile temerarietà, pretendeva che le venissero riconosciuti onori divini. Alla fine scontò la pena della sua insolenza. Infatti, i figli di lei vennero trafitti dai dardi di Apollo, e le figlie (vennero trafitte) dalle frecce di Diana. La madre sventurata, sopraffatta dal grande dolore, venne trasformata in roccia da Latona.

Pag. 434 n. 79

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla

Il nostro sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Questa operazione non può avvenire se non col tuo consenso, perciò è necessario che tu impieghi qualche attimo del tuo tempo per prendere visione della nostra Cookie Policy e dirci se ne accetti le condizioni. → Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi