Cassius
Community

Versione | pag. 324 n. 31 → La rana e il topo

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 324

Versione numero: 31

La rana e il topo

Un topo, allo scopo di attraversare a nuoto un fiume in maniera agevole, chiese l’aiuto di una rana. Costei, per mezzo di uno spago, legò (presente storico) il piede del topo alla propria zampa, e i (due) nuotatori giunsero a malapena alla metà del fiume. Non mantenendo la parola data, la rana si immerse, e trascinò con sé il sorcio sotto le acque, per togliere slealmente la vita al topo. Dopo che il topo fu stato ucciso, quando il corpo riemerse, uno sparviero avvistò la preda. Ghermì il topo galleggiante con gli artigli, e allo stesso tempo sollevò la rana che era legata insieme. La rana sleale, che aveva ucciso a tradimento il topo (lett.: “che aveva tradito la vita del topo”), andò alla morte con identica sorte.

Versione tratta da: Fedro
Pag. 324 n. 31

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1

Il nostro sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Questa operazione non può avvenire se non col tuo consenso, perciò è necessario che tu impieghi qualche attimo del tuo tempo per prendere visione della nostra Cookie Policy e dirci se ne accetti le condizioni. → Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi