Cassius
Community

Massilienses sollerti animo universam classem extruxerunt. A sagacibus canibus trucis latronis …

La Lingua delle Radici 1

Pagina numero: 152

Esercizio numero: 14 a

1. I Marsigliesi con animo zelante fabbricarono l’intera flotta.

2. Le orme del feroce ladro furono presto trovate dai cani sagaci.

3. Il vecchio, uomo di straordinaria assennatezza, placò gli animi dei cittadini con parole autorevoli.

4. Una grande fama delle imprese di Filippo raggiunse tutte le città della Grecia.

5. Domiziano ingaggiò un duplice combattimento, di fanteria e di cavalleria.

6. I carichi pesanti non sono adatti alle braccia dei gracili fanciulli.

7. Per la Sorte, dea alata, erano state poste nei templi delle statue di marmo da tutti i popoli.

8. Un malato intemperante rende il medico crudele.

9. In Egitto il Nilo a scadenze precise straripa dall’alveo, trascina fertile limo e rende produttivi i campi.

10. Fabio Massimo parlò così: “In Italia, facciamo la guerra nella nostra dimora e sul nostro suolo; Annibale al contrario è in una terra straniera e avversa, circondato da cose nemiche e ostili”.

11. Gli ambasciatori trovarono Quinto Cincinnato, uomo di grande valore, in un misero campicello, e lo nominarono dittatore.

12. Augusto abbandonò le esercitazioni in campo aperto, delle armi e dei cavalli, immediatamente dopo le guerre civili.

13. Poiché a Roma i diritti dei ricchi aristocratici e dei poveri plebei erano diseguali, ci furono per molti anni violente contese interne.

14. Gli schiavi ribelli e i gladiatori fuggiaschi terrorizzarono Roma, rovesciarono l’Italia, distrussero la Sicilia intera.

15. Grazie allo schiamazzo notturno delle vigili oche, i soldati Romani sul Campidoglio si accorsero dell’insidia dei Galli.

16. Tutti i nemici furono catturati, poiché le strettoie del ponte e dei sentieri avevano impedito una fuga veloce.

Pag. 152 n. 14 a

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di La Lingua delle Radici 1