Cassius
Community

Versione | pag. 382 n. 108 → Laodàmia e Protesilào

Il Nuovo Expedite 1

Pagina numero: 382

Versione numero: 108

Laodàmia e Protesilào

Laodamia, figlia di Acasto, dopo aver perso il marito, piangendo chiese agli dei di poter parlare con lui tre ore ma, dopo che il tempo che aveva richiesto agli dei si fu consumato, non poté sopportare le lacrime e la sofferenza. Pertanto fece una statua di bronzo simile al marito Protesilao e la collocò nella camera da letto con il pretesto dei riti sacri e iniziò a venerarlo. Un servo, poiché al mattino le aveva portato dei frutti per il sacrificio, guardò attraverso la fessura e la vide mentre abbracciava e baciava la statua di Protesilao; ritenendola un’adultera, riferì ciò al padre Acasto. Acasto, dopo che fu arrivato nella camera e vi fu entrato, vide la statua di Protesilao. E allora affinché la figlia non si tormentasse più a lungo, ordinò che, costruita una pira, la statua fosse bruciata; Laodamia, non sopportando il dolore, si gettò tra le fiamme e fu bruciata viva.

Pag. 382 n. 108

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Expedite 1

Il nostro sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Questa operazione non può avvenire se non col tuo consenso, perciò è necessario che tu impieghi qualche attimo del tuo tempo per prendere visione della nostra Cookie Policy e dirci se ne accetti le condizioni. → Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi