Cassius
Community

Versione | pag. 402 n. senza numero → Tarquinio il Superbo e la fine della monarchia

Verba Manent 1

Pagina numero: 402

Versione numero: senza numero

Tarquinio il Superbo e la fine della monarchia

L. Tarquinio il Superbo, il settimo e l’ultimo dei re, sconfisse i Volsci, assoggettò la città di Gabi e Suessa Pomezia, stipulò la pace con gli Etruschi, e costruì il tempio di Giove sul Campidoglio. Successivamente, mentre attaccava Ardea, una città che era ubicata a diciotto miglia di distanza dalla città di Roma, perse il potere. Infatti, poiché il figlio di lui, anch’egli chiamato Tarquinio il giovane, aveva violato Lucrezia, donna aristocratica e per giunta pudica, moglie di Collatino, ella si uccise sotto lo sguardo di tutti. Per quella ragione Bruto, egli stesso parente di Tarquinio, sobillò il popolo e strappò il potere a Tarquinio. Presto anche l’esercito, che attaccava la città di Ardea insieme al re in persona, lo abbandonò; quando il re giunse a Roma, venne tenuto fuori dalle porte chiuse, dopo che aveva regnato per ventiquattro anni, e fuggì insieme alla moglie e ai suoi figli. E così, a Roma, sette re regnarono per duecentoquarantatré anni.

Versione tratta da: Eutropio
Pag. 402 n. senza numero

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Verba Manent 1

Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Continuando la navigazione del sito in qualsiasi maniera acconsenti all’impiego di tali cookie. Se desideri saperne di più, clicca su: maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi