Cassius
Community

Versione | pag. 244 n. 16 → Quando il Sonno vide la luce

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 244

Versione numero: 16

Quando il Sonno vide la luce

Quando, al principio, fonda le cose umane, il padre Giove percuote il tempo dell’esistenza con un colpo solo e lo ripartisce in due metà uguali in tutto: avvolge una parte con la luce, la seconda con le tenebre; successivamente, egli battezza le parti “giorno” e “notte”, ed assegna alla notte la quiete, al giorno l’attività. Siccome a quel tempo il sonno ancora non esisteva, tutti passavano la vita svegli, anche se agli uomini, mentre restavano svegli, era consentito il riposo notturno. Tuttavia, poco a poco, dato che le intelligenze umane sono irrequiete e bramose di cambiamento, gli uomini attendevano giorno e notte alle occupazioni e non dedicavano nessun momento al riposo. Quindi Giove, sollecito, crea il Sonno: e consegna a lui le chiavi degli occhi e gli infusi di erbe con i quali si addormentano i cuori degli uomini.

Versione tratta da: Frontone
Pag. 244 n. 16

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1