Cassius
Community

Versione | pag. 370 n. 11 → L’oracolo di Apollo

Codex 1

Pagina numero: 370

Versione numero: 11

L’oracolo di Apollo

Il monte Parnaso si erge tra la Grecia e la Tessaglia: bagnano le pendici di questo monte le acque di una limpida sorgente, e vi si trova una valle ridente e piena di ulivi. Un tempo, abitanti e i pastori lasciarono questa valle, poiché un enorme serpente, dal nome di “Pitone”, infestava la regione e li scacciava dalla sorgente. Dalla bocca di questo usciva un respiro mefitico ed (esso) uccideva sia gli esseri umani, sia i capi di bestiame. Apollo, un giorno, discese dall’Olimpo, e Pitone emise contro di lui il mefitico respiro. Ma quello scoccò dal proprio arco frecce numerosissime ed uccise la ripugnante creatura prodigiosa. A ricordo di quell’uccisione, i Greci soprannominarono Apollo “Pizio” e a lui venne dedicato, in quella regione, un sontuosissimo tempio. Dentro di esso Apollo pose un proprio oracolo, e, da tutte le regioni della Grecia, si recavano ad esso ambasciatori con doni. Apollo, tuttavia, dava i propri oracoli non di persona, bensì tramite la bocca della vergine Pizia.

Pag. 370 n. 11

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Codex 1