Cassius
Community

Esercizio | pag. 182 n. 10 a →

Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla

Pagina numero: 182

Esercizio numero: 10 a

1. Tra le armi (ossia: “in tempo di guerra”) le leggi tacciono.
2. T. Quinzio e Q. Servilio vengono nominati consoli dai senatori.
3. Gli dei proteggevano Enea per via della sua devozione.
4. Gli antichi scrittori celebravano la virtù di Cornelia, madre dei Gracchi.
5. Il valore dei soldati e l’abilità dei comandanti procuravano ai Romani grandi vittorie.
6. Gli allievi spesso vogliono imparare senza fatica, ma lo studio è fatica.
7. La luna riceve la luce dal sole.
8. Gli uomini malvagi non temono né il giudizio degli dei, né la severità delle leggi.
9. L’inesperienza dei giovani può essere guidata dall’assennatezza dei vecchi.
10. La plebe Romana veniva vessata dai patrizi con dure leggi.
11. Annibale, comandante supremo dei Cartaginesi, sconfisse i Romani presso Canne.
12. Oh uomini, se volete conservare la pace, coltivate la concordia e l’amicizia tra i popoli, e rispettate i costumi degli altri!
13. La paura mette le ali ai piedi.
14. Dopo la battaglia il comandante ritornava nell’accampamento con i suoi soldati, fanti e cavalieri.
15. Che la salvezza sia la legge suprema del popolo!
16. Una sciagura è sempre un’occasione di eroismo.

Pag. 182 n. 10 a

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla