Cassius
Community

Esercizio | pag. 374 n. 19 →

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 374

Esercizio numero: 19

1. La vita si divide in tre tempi: il tempo che è stato, quello che è, e quello che sta per essere; quello che viviamo è fugace, quello che siamo destinati a vivere è incerto, quello che abbiamo vissuto è sicuro.
2. Quale sicurezza sarà concessa a noi che ci incarichiamo delle ambasciate pubbliche, se ci sono guerre in continuazione?
3. Esponiamo brevemente e in modo compiuto le cose delle quali stiamo per parlare.
4. A voi, o Romani, non chiedo denaro, ma rispetto; (invece) coloro che vengono a sconsigliarvi di accettare questa legge non vi chiedono rispetto, bensì denaro.
5. In quell’assemblea i Greci decretarono che al re fossero inviati degli ambasciatori, per offrirgli una corona d’oro per le imprese compiute in difesa della salvezza e della libertà della Grecia.
6. Nessuno fu un vendicatore e un punitore della lealtà tradita più implacabile di Alessandro.
7. Adirato contro il proprio schiavo, Platone ordinò immediatamente a quello di togliersi la tunica e di offrire la schiena ai colpi di frusta, intenzionato a colpire personalmente di propria mano.
8. I Galli, quando erano in procinto di intraprendere una guerra, offrivano in voto agli dèi immortali la decima parte del bottino.
9. Quello fece per primo ciò che tutti avevano intenzione di fare.
10. Dunque, spostato l’accampamento, Dario oltrepassa il fiume, con l’intenzione di attaccarsi alle spalle di coloro che fuggivano.
11. So già che questa cosa che sto per aggiungere è trita e ritrita, tuttavia non la tralascerò: anche chi non aveva messo fine al dolore per scelta, con il tempo, ne trovò la fine.
12. Ammettiamo che gli dèi esistano, e che il mondo sia governato dalla loro mente, e che i medesimi provvedano alla razza degli uomini, e che ci mostrino i segni delle cose future.

Pag. 374 n. 19

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1