Cassius
Community

Versione | pag. 222 n. 12 → La battaglia di Maratona (2)

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 222

Versione numero: 12

La battaglia di Maratona (2)

In un momento di pericolo tanto grande, nessuna città fornì aiuto agli Ateniesi: soltanto gli abitanti di Platea mandarono delle truppe. L’esercito Greco ardeva di uno straordinario desiderio di battaglia: e perciò, il parere di Milziade ebbe la meglio. Dunque, su ordine di Milziade, gli Ateniesi fecero uscire le truppe dalla città e realizzarono un accampamento in un luogo opportuno. Poi, il giorno successivo, ingaggiarono il combattimento sotto le pendici di un monte, in una zona non aperta (infatti, in molti punti, c’erano alberi radi): i Greci venivano protetti dall’altezza dei monti e la cavalleria dei nemici era ostacolata dalla distesa degli alberi. Dati, anche se vedeva il luogo non vantaggioso per i suoi, tuttavia, confidando nel numero delle proprie truppe, desiderava scontrarsi prima che gli Spartani venissero in aiuto. E così ingaggiò il combattimento. Ma gli Ateniesi sconfissero il numero dieci volte superiore dei nemici e i Persiani non si diressero all’accampamento, ma alle navi. Nessun esercito tanto esiguo sbaragliò mai truppe tanto grandi.

Versione tratta da: Cornelio Nepote
Pag. 222 n. 12

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1