Cassius
Community

Versione | pag. 240 n. 38 → La dimora del dio Sonno

Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla

Pagina numero: 240

Versione numero: 38

La dimora del dio Sonno

In una remota regione al di là della Tracia, presso i Cimmerii, c’è un monte alto e dirupato, e, ai piedi del monte, c’è una grotta buia, dimora del pigro dio Sonno. In quel luogo (non) entra mai la luce del sole, ma nubi cineree miste a fumo vengono esalate dalla terra. Lì (non) canta nessun uccello; lì, né cani, né oche, né altri animali rompono il profondo silenzio con i loro suoni. Lì non si sente il rumore dei rami mossi dal vento, né riecheggiano voci umane nell’aria tenebrosa. Una muta quiete abita questi luoghi. Tuttavia dall’alta rupe scorre il fiume Letè e le sue onde con un lento movimento invitano al sonno. Davanti all’ingresso della grotta fioriscono papaveri soporiferi e innumerevoli erbe. La dimora non ha alcuna porta, nessun custode sulla soglia, invece al centro della spelonca c’è un grande letto d’avorio, coperto con una coperta scura, sul quale giace il dio Sonno e dorme profondamente.

Pag. 240 n. 38

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla

Il nostro sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Questa operazione non può avvenire se non col tuo consenso, perciò è necessario che tu impieghi qualche attimo del tuo tempo per prendere visione della nostra Cookie Policy e dirci se ne accetti le condizioni. → Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi