Cassius
Community

Versione | pag. 336 n. 190 → Annibale, il nemico di Roma

ALIAS

Pagina numero: 336

Versione numero: 190

Annibale, il nemico di Roma

In questa parte della mia opera, mi è lecito premettere, cosa che all’inizio dell’intera narrazione la maggior parte degli storici è solita dichiarare, che io tratterò della guerra più memorabile di tutte quelle che siano mai state combattute, che, sotto il comando di Annibale, i Cartaginesi combatterono con il popolo Romano. Contesero con odi anche quasi più grandi delle forze, i Romani indignandosi poiché i vinti portavano le armi contro i vincitori senza essere stati provocati, e indignandosi i Cartaginesi poiché pensavano che sui vinti fosse stato esercitato un dominio superbo ed esoso. Inoltre è noto che Annibale, di appena nove anni, mentre faceva puerilmente una carezza al padre Amilcare affinché fosse condotto nella Spagna, accostato agli altari sia stato indotto a giurare che sarebbe stato nemico del popolo Romano.

Versione tratta da: Livio
Pag. 336 n. 190

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di ALIAS