Cassius
Community

Imperator, receptis legionibus, Alamannorum tantam multitudinem fudit, ut aegre pars dimidia superfuerit. Nostri, cum omnia subsidia vitae deessent ….

Il Tantucci Plus 1

Pagina numero: 430

Esercizio numero: 18

1. Il generale, una volta ricevute le legioni, sbaragliò una moltitudine tanto grande di Alamanni, che sopravvisse a malapena la metà.
2. I nostri, dal momento che mancavano tutti i sostegni della vita e, a causa della fame, non riuscivano più a tenere le armi, si arresero ai nemici.
3. Il comandante Latino, poiché vedeva i suoi sgominati fece venire una coorte di esuli Romani, alla quale stava a capo il figlio di L. Tarquinio.
4. Gli Ateniesi non avevano solamente enorme speranza in Alcibiade, ma anche timore, perché egli poteva sia giovare, sia nuocere enormemente.
5. Sono qui vicini a me anche dei testimoni, per confermare (relativa impropria) quello che io dirò.
6. Io mi rammarico che tu sia stato lontano da noi tanto a lungo.
7. La parte della cavalleria degli Usipeti e dei Tencteri, che prima ho ricordato che non aveva partecipato allo scontro, dopo la fuga dei loro si era ritirata nel territorio dei Sigambri.
8. O senatori, nel grande dolore, tuttavia, c’è dentro qualcosa tale che io riterrei destinato a giovare allo Stato.

Pag. 430 n. 18

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Tantucci Plus 1