Cassius
Community

Hoc facto proelio Caesar neque iam sibi legatos audiendos neque neque condiciones accipiendas esse …

Il Nuovo Expedite 2

Pagina numero: 181

Versione numero: 201

Cesare marcia contro i Germani.

Una volta compiuta questa battaglia, Cesare ormai riteneva che da parte sua non dovessero essere ascoltati ambasciatori e non dovevano essere accettate condizioni (provenienti) da coloro che con l’inganno e i tranelli, dopo aver chiesto la pace, avevano di propria iniziativa mosso guerra; inoltre giudicava che attendere, mentre le truppe dei nemici venivano accresciute e la cavalleria ritornava, fosse una enorme sciocchezza, e, conosciuta la debolezza dei Galli, immaginava quanta tracotanza i nemici avessero acquisito tra loro con una sola battaglia. Egli riteneva che a questi non dovesse essere concesso neppure un attimo per prendere decisioni. Dopo aver stabilito queste cose, e dopo aver condiviso con i luogotenenti e con il questore la decisione di non lasciar passare neppure un giorno prima della battaglia, accadde in maniera estremamente opportuna che, il giorno successivo a quel giorno, di mattina, dando prova della medesima cattiveria e malizia, i capi dei Germani si recarono presso di lui nell’accampamento, allo stesso tempo per scusarsi, perché il giorno prima avevano attaccato battaglia, e per chiedere una tregua con l’inganno. Cesare, rallegrandosi che i capi dei Germani gli si fossero consegnati, ritenne che andassero trattenuti, egli in persona poi, guidò tutte le truppe fuori dall’accampamento e ordinò alla cavalleria, che riteneva fosse stata terrorizzata dalla recente battaglia, di seguire l’esercito.

Pag. 181 n. 201

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Expedite 2