Cassius
Community

Esercizio | pag. 255 n. 3 →

Codex 1

Pagina numero: 255

Esercizio numero: 3

1. Ercole, il figlio di Giove e Alcmena, provvisto di una forza incredibile, dovette sostenere innumerevoli fatiche.
2. Gli Ateniesi, dal momento che obbedirono alle decisioni di Alcibiade, presso le coste della Sicilia vennero duramente sconfitti da Siracusani e Spartani.
3. Orazio Coclite, da solo, si mise di fronte a tutte le truppe degli Etruschi, e affrontò lo scontro sul ponte Sublicio.
4. Le zone della patria dei Germani non sono produttive, ma viceversa, esse sono fredde, paludose e poco salubri.
5. Cimbri e Teutoni erano popolazioni incivili e barbare, e furono sempre nemici agguerriti dei Romani, però Caio Mario, con grande valore, li sconfisse.
6. I nostri alleati non vennero raggirati dalle futili promesse di uomini inaffidabili.
7. Il tiranno attirò su di sé l’odio del popolo e lasciò di sé un ricordo biasimevole.
8. Vi venne fornito da me un grande aiuto.
9. I soldati, come è stato ordinato, si sono ritirati nell’accampamento verso l’alba.
10. Ma me piacquero sempre sia la filosofia, sia gli uomini dotti, sia gli studi.
11. O Catilina, conduci insieme a te in Etruria gli uomini le tue truppe! Perché tu non desideri vivere insieme a noi, né ne sei degno; ripulisci la città da te e libera me e i Romani dalla tua turpe visione!
12. La cornacchia, gonfiandosi per l’inutile presunzione, si ornò con le penne dell’avvenente pavone, e si mescolò all’avvenente stormo dei pavoni.

Pag. 255 n. 3

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Codex 1