Cassius
Community

Versione | pag. 111 n. 19 → Demetra alla ricerca di sua figlia Proserpina

La Lingua delle Radici 1

Pagina numero: 111

Versione numero: 19

Demetra alla ricerca di sua figlia Proserpina

Non lontano da Enna c’è uno stagno dalle acque cristalline. Lo stagno è affollato da cigni che cantano. Un bosco cinge le acque e con le sue foglie come un velo allontana i raggi del sole. Qui viene Proserpina e, con grande impegno, raccoglie viole o candidi gigli, riempie una cesta e si sforza di superare le compagne. Appena vide Proserpina, il signore degli inferi, immediatamente si innamorò di lei e nell’ora mattutina la rapì. La fanciulla chiamò invano Demetra e le compagne mentre i gigli e le viole le cadevano dalla tunica. Il dio scosse oscure briglie attraverso i colli e le criniere dei cavalli. Trascinò in carrozza la povera Proserpina attraverso stagni sacri e attraverso regioni dirupate. Ma Demetra, senza paura, cercò la figlia per tutte le regioni sia quando Aurora dai capelli bagnati si alzò dall’Oceano sia quando Espero diffuse attraverso il cielo le prime ombre. E quando le tenebre impedirono di vedere, accese le fiaccole ardenti, e chiamò la figlia.

Pag. 111 n. 19

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di La Lingua delle Radici 1

Il nostro sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Questa operazione non può avvenire se non col tuo consenso, perciò è necessario che tu impieghi qualche attimo del tuo tempo per prendere visione della nostra Cookie Policy e dirci se ne accetti le condizioni. → Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi