Cassius
Community

Esercizio | pag. 248 n. 26 →

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 248

Esercizio numero: 26

1. Ti ho scritto queste cose, perché desidero condividere con te tutte le cose che o mi rallegrano o mi angustiano.
2. Ti condurrò via lontano da codesta provincia.
3. Quanti storici delle sue imprese ebbe con sé il famoso Alessandro!
4. Dobbiamo guardare agli esempi di Bruto, di Camillo, di Decio, e degli altri che hanno consolidato questo Stato.
5. Cesare prese il denaro dai tribuni dei soldati e dai centurioni: poi lo distribuì all’esercito.
6. Lascia da parte, ormai, codeste cose, e rispondi a ciò che chiedo!
7. L’esercito del popolo Romano assedia Cneo Pompeo: noi viviamo, e codesta città sta in piedi, i pretori amministrano la giustizia, gli edili allestiscono gli spettacoli, io stesso sto seduto.
8. Non dobbiamo vivere per il corpo: l’eccessivo amore per questo (lett.: “di questo”) ci turba con timori, ci grava di preoccupazioni, ci espone ad affronti.
9. Ho tenuto fede a quel giuramento fino a questo momento.
10. Di certo C. Mario e Cn. Pompeo e Cesare edificarono delle ville nella regione di Baia, e le collocarono sulle sommità delle creste dei monti.
11. Questa popolazione possiede grandi truppe di fanti e, come abbiamo mostrato in precedenza, raggiunge il Reno.
12. Il famoso Mezio è la guida di questo cammino, Mezio (è) l’artefice di questa guerra, Mezio (è) il trasgressore del trattato tra Romani e Albani.

Pag. 248 n. 26

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1