Cassius
Community

Comminus - pag. 82 n. 8.9 → Dialogus Titi et Amici

Comminus

Pagina numero: 82

Versione numero: 8.9

Dialogus Titi et Amici

Il dialogo di Tito e di un amico
– Possiedi denaro, o Tito?
– Non ne ho, o amico.
– Possiedi oro oppure argento? –
– Neanche un po’.
– Del cibo che dici? Hai almeno questo?
– Niente affatto.
– Perché vivi una condizione tanto misera? Che cosa ti è accaduto? Una tempesta ha forse distrutto i tuoi campi? Forse la ruggine ha danneggiato i tuoi attrezzi da lavoro? Non mi risulta che sia così.
– Hai presente la figlia di Aulo, Lucilla?
– Sì. Ѐ una ragazza bella ed elegantissima, la cui fama è nota a tutti.
– Già da un po’ di tempo sono stato tanto preso dall’amore di lei che ormai trascuro le attività e la cura dei campi, dimentico di portare al pascolo il bestiame, non pulisco gli attrezzi da lavoro, mentre penso, notte e giorno, a lei sola. So che sbaglio, ma non riesco ad allontanare la ragione dei miei errori.
– Forse che lei è inconsapevole del tuo stato d’animo?
– Magari! Per sposarla ho parlato con suo padre, Aulo, ma inutilmente.
– Per quale ragione? Non sei stato sempre un uomo onesto e un agricoltore instancabile?
– È così. Ma le nozze non avranno mai luogo a causa della mia età, perché ella rifiuta di unirsi a me in matrimonio. Ella infatti è una ragazza di sedici anni.
– E tu? Di sicuro credo che tu sia un poco più anziano di lei.
– Sorridi? Non sono ancora un vecchio: infatti sono appena giunto ai settant’anni d’età!

Pag. 82 n. 8.9

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Comminus